Il TeleDipendente

La televisione è come la storia: c'è chi la fa e chi la subisce. (Fabrizio De André)

Sanremo 2016: recensione prima serata

ddVa sul sicuro Carlo Conti, sceglie di non sperimentare, si accontenta di ricalcare schemi già visti, di riprendere i soliti stereotipi. E non osa. D’altronde formula che vince, non si cambia. Anche a rischio di risultare ripetitivi. Ma ora che gli ascolti gli danno nuovamente ragione diventa quasi impossibile sperare in un maggiore guizzo creativo per questo suo secondo Festival.

Il debutto di ieri sera ha confermato gran parte delle aspettative di cui scrivevamo ieri qui. E il successo ottenuto dal Conti-bis è la dimostrazione definitiva che alla base c’è una formula vincente. Un occhio alla musica, un altro alla televisione, sempre in un’ottica pop, per accontentare i diversi gusti e intercettare la totalità del pubblico, dai giovani agli anziani. Puntare poi sempre più sui talent, perfetta sintesi di questo sistema, anche quest’anno ha portato i suoi frutti, a giudicare dagli ascolti. E rispetto allo scorso anno, il Festival risulta in crescita tra i giovani.

Formula efficace quindi, ma resta qualche perplessità nella struttura, proprio come nel 2015. Anche quest’anno Sanremo si conferma un festival conticentrico, proprio come ricalcano le scenette negli spot di lancio del Festival. Alle figure che lo affiancano è riservato un ruolo piuttosto marginale. La Raffaele è l’unica che riesce a emergere al fianco di Conti, avendo la possibilità di esprimersi nel suo campo e per merito dell’efficace lavoro di scrittura che c’è dietro le imitazioni. Sarebbe bello però vederla prima o poi co-condurre senza maschere. Gabriel Garko e Madalina Ghenea invece, lui piuttosto impacciato, lei sorprendentemente più a suo agio, sembrano essere all’Ariston quasi a ricordare che l’unico, vero e intramontabile conduttore del festival sia solo uno: il gobbo.

Accontentarsi del nome senza strafare sembra essere una prerogativa anche per gli ospiti: basta citare lo sketch già visto di Aldo, Giovanni e Giacomo per accorgersene. Far duettare Laura Pausini con se stessa ha sicuramente un grande impatto emotivo, ma è un’idea già vista per altri artisti, soprattutto all’estero. Elton John invece riporta a Sanremo quell’aura di evento che ultimamente il Festival, per motivi di budget o altro, sembra aver perso. Esibizioni a parte, resta però la sensazione di non essere riusciti a sfruttarne al meglio la partecipazione a causa della scarsa qualità dell’intervista fattagli da Conti. Non per le risposte, ma per le domande piuttosto insignificanti e poco coraggiose, esempio di debolezza di una scrittura che in alcuni punti ha fatto acqua.

Ma ciò che conta, trattandosi di Sanremo, è quello di mettere al centro la musica. E Conti ci riesce davvero, come sembra dimostrare anche questo bis. Dei brani ascoltati ieri però molti hanno bisogno di un ulteriore ascolto per emergere in tutto il loro potenziale. È il caso di Arisa e di Noemi, quest’ultima sorprendentemente a rischio eliminazione. Molto convincente invece il pezzo degli Stadio, penalizzato però una da performance piuttosto sottotono per il calo di voce di Gaetano Curreri. Stesso problema anche perMorgan. Travolgente il rap a sfondo sociale di Rocco Hunt, mentre il brano di Enrico Ruggeri spicca per la forza del testo e un arrangiamento piuttosto riuscito.

Tanto delicata ma poco perforante la Blu di Irene Fornaciari. Brani tipicamente sanremesi quelli diLorenzo Fragola e del duo Deborah Iurato – Giovanni Caccamo, dato per favorito dagli scommettitori. Nella media invece i Dear Jack con un pezzo alquanto radiofonico: l’assenza dell’ex frontman Alessio Bernabei però sembra penalizzarli al televoto. Tanto che sono a rischio eliminazione assieme a Noemi, Irene Fornaciari e Morgan con i Bluvertigo. E stasera si ricomincia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: