Il TeleDipendente

La televisione è come la storia: c'è chi la fa e chi la subisce. (Fabrizio De André)

La recensione: il celebrity talent si è evoluto ma Si Può Fare non sembra essersene accorto

si-puo-fare-carlo-conti-giudici-rai1-620x381Anche il celebrity talent si è evoluto. Ma Si Può Fare, che si prepara alla finale tra poche ore su RaiUno, sembra invece rimasto fermo al palo. Se nel 2005, anno del primo Ballando con le stelle, per fare ascolti bastava mettere vip o presunti tali alla prova in un campo diverso dal loro, ora non è più così.

Si sa, in tv più che nella vita tutto si brucia molto in fretta, specialmente le novità. E così talent dopo talent, edizione dopo edizione, vedere Irene Pivetti ballare o Alba Parietti pattinare non è stato più così coinvolgente. Che si danzasse, si pattinasse o ci si tuffasse dal trampolino, poco cambiava. E tutti questi format finivano per assomigliarsi sempre più con giurie più o meno esperte, votazioni talvolta poco meritocratiche e l’immancabile televoto a proclamare il vincitore. Se poi ci si aggiunge che tuttora in più casi i personaggi che fanno la spola da un talent all’altro sono gli stessi, l’effetto déjà-vu aumenta e gli ascolti diminuiscono.

Oggi quindi il celebrity talent ha bisogno di qualcosa in più per incollare il pubblico alla tv. E quindi o riesce a meravigliarlo stravolgendo completamente la visione che il telespettatore ha avuto fino ad allora del concorrente, come nel caso di Tale e Quale (in un mix di derisione e stupore abbiamo ancora davanti agli occhi Valerio Scanu vestito da Orietta Berti, Fabrizio Frizzi che imita Piero Pelù o Amadeus nei panni di Sandy Marton) oppure prova a puntare su personaggi semi-conosciuti, meglio se con una storia importante alle spalle, ma televisivamente ancora da scoprire (Giusy Versace nell’ultimo Ballando per intenderci).

Ecco quindi il limite di questa edizione di Si Può Fare: le performance non sono abbastanza forti da rimanere a bocca aperta, anche perché l’inesperienza dei concorrenti chiamati ad eseguirle le impoverisce. E i vip in gara, con la loro partecipazione al programma, non dicono niente di nuovo, né aggiungono qualcosa a quello che già sappiamo di loro: non c’è nulla da scoprire, niente che possa interessare se non vederli esibirsi in prove che abbiamo già visto in altri talent (Tu si que Vales e Italia’s got Talent). Forse anche perché molti di loro avevano già partecipato ad altri programmi simili come dicevamo in questo post. Pensateci un po’: Matilde Brandi continua ad essere la ballerina – showgirl che abbiamo ammirato anni fa in Torno Sabato (e continuare a ripetere “tanto lei è una ballerina” non l’aiuta). E ancora Biagio Izzo resta il solito comico-disturbatore visto e rivisto in molti altri programmi. O la stella di Fiona May che non riesce a brillare come quando era a Ballando. E così via.

È evidente la bravura e il coraggio di tutti i partecipanti nel mettersi alla prova in un campo diverso dal loro, madownload questo oggi non basta a rendere il programma interessante e coinvolgente. Anche Amanda Lear e Pippo Baudo, in giuria, danno l’impressione di credere poco nel programma dando voti un po’ a casaccio e commentando le esibizioni in maniera alquanto disinteressata, almeno all’apparenza.

Non è un caso quindi se l’unica rivelazione del programma è il tuffatore Tommaso Rinaldi, il meno conosciuto televisivamente. E una delle esibizioni che il pubblico ha accolto con più entusiasmo è stata quella con Simon Grechi e Mario Cipollini vestiti da drag-queen.

Insomma più che l’evoluzione, Si può fare rappresenta l’involuzione del celebrity talent. Se Giancarlo Leone vorrà ancora puntare su questo genere anche per la prossima stagione, è necessario un rinnovamento generale di tutti questi format (l’unico che non ne ha ancora bisogno è Tale e Quale) per non sprofondare definitivamente nell’abisso degli ascolti a sotto zero.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: