Il TeleDipendente

La televisione è come la storia: c'è chi la fa e chi la subisce. (Fabrizio De André)

Squadra Mobile: lo spin-off di Distretto rivoluzionerà il genere poliziesco in tv?

squadra-mobile-bannerAria nuova nella fiction televisiva? Speriamo sia davvero così. Parte questa sera su Canale 5 Squadra Mobile, lo spin-off di Distretto di Polizia con l’attesissimo ritorno di Giorgio Tirabassi nei panni di Roberto Ardenzi, che nella fiction madre abbiamo conosciuto prima come ispettore e poi come commissario del X Tuscolano.

Sedici episodi per otto serate che, a detta del regista Alexis Sweet, rivoluzioneranno il modo di fare il genere poliziesco in televisione. Molti i casi da risolvere legati all’attualità, dal femminicidio allo stalking passando per il cyber-bullismo e il maltrattamento dei minori. Ritroveremo Ardenzi separato dalla seconda moglie, alle prese con la figlia Mauretta ora studentessa universitaria e con una nuova squadra di poliziotti alquanto problematica da gestire: l’ispettore Isabella D’Amato (Valeria Bilello) impegnata nella lotta allo stalking, il poliziotto alcolizzato Sandro Vitale (Antonio Catania), Giacomo Polena (Pippo Crotti), abbandonato con il figlio dalla moglie, la fidanzatissima Valeria Goretti (Serena Rossi). Ma il nemico più duro da combattere sarà l’amico e collega Claudio Sabatini (Daniele Liotti), in realtà un poliziotto corrotto, tossicodipendente e killer.

Insomma il lato più oscuro della polizia è il vero protagonista di questa nuova serie targata Taodue. Ombre che molte produzioni americane tra cui The Shield hanno dipinto in pieno, in Italia appena sfiorate da poche fiction come La Nuova Squadra o Squadra antimafia.

Obiettivo di rete per Squadra Mobile: quattro milioni di telespettatori. Se verrà raggiunto, sono già pronte le sceneggiature per la seconda serie, incentrata sull’inchiesta mafia capitale, che sarà girata da giugno. E chissà se questo spin-off riuscirà ad avere la stessa fortuna della serie madre, Distretto di Polizia che tagliò il traguardo delle undici stagioni. Una responsabilità in più per Ardenzi tra le tante che già ha.

Annunci

3 commenti su “Squadra Mobile: lo spin-off di Distretto rivoluzionerà il genere poliziesco in tv?

  1. Alberto
    aprile 21, 2015

    Mi sento di consigliare a tutti la serie “1992” su Sky: un pezzo importante della nostra storia ben scritto e ben recitato!

    • ilteledipendente
      aprile 22, 2015

      Non tutti concordano, caro Alberto. Io l’ho trovata ben scritta ma a tratti un po’ forzata. In ogni caso resta un buon prodotto…ce ne fossero di serie così!!

  2. Pingback: Squadra Mobile tra polemiche e ascolti: la recensione | Il TeleDipendente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: